Cime tempestose

La rilettura di Cime tempestose mi lascia nuovamente spiazzata: ai nostri disincantati occhi contemporanei fa tenerezza l’immagine di Catherine preda di un amore “nevrastenico”. Ci chiediamo ma perché? E che dire di Heathcliff: una intera vita dedicata alla vendetta. Mai un attimo di pace, mai un sorriso. Veramente troppo! Finalmente, dopo tanta ossessione, riuniti i protagonisti nello stesso destino, il lettore può tirare un gran sospiro di sollievo! Eppure, se questo eccesso di passioni, questo vagare di fantasmi nelle buie stanze di Wuthering Heights un po’ ci fa sorridere, la scrittura di Emily ancora ci incolla alla pagina: le descrizioni ampie e dettagliate di paesaggi, ambienti domestici e costumi, il tratteggio dei personaggi, la concitazione del dialogato producono effetti plastici di colori suoni odori. Vi lascio, cari lettori nostalgici, con l’immagine di Catherine che sotto la pioggia sferzante, al cancello di Cime Tempestose, invoca il suo amato “HEATHCLIFF…HEATHCLIFF…HEATHCLIFF…”

Autore: Emily Bronte
Casa editrice: Rizzoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...