L’animale femmina

Una storia. Due storie: Ludovico e Rosita. Diversi e lontani , per genere, appartenenza sociale, età. Ludovico è un anziano avvocato di successo, misogino, austero, tagliente nei giudizi e nelle espressioni. Rosita è una studentessa di medicina fuori sede e fuori corso che gli fa da segretaria part time. Il rapporto tra i due si veste da subito di ambiguità: Rosita, suo malgrado, gli fa da spalla in un teatrino che prevede le lunghe sulfuree tirate di Ludovico contro il genere femminile, “l’animale femmina” che per anni ha osservato come mosca su un vetrino, con interesse e ripugnanza. Ma il lavoro serve alla giovane segretaria, “in fuga” da una madre manipolatrice e ricattatoria e da un amore sbagliato. Il gioco dei ruoli è interessante e cadenzato secondo un crescendo che rivela la capacità della Canepa di dominare la materia umana che tratta con misura e mano sicura. Ne deriva un andamento narrativo spedito, a tratti incalzante, dosato con un equilibrio che lascia spazio e respiro alle storie di entrambi i personaggi. La vicenda è narrata in prima persona da Rosita, intervallata da capitoli in cui un narratore esterno apre uno spazio, e fa luce sugli eventi della giovinezza di Ludovico che hanno fatto di lui l’uomo che è. La gestione della variazione di registro e di punto di vista di queste parentesi è valore aggiunto della narrazione che si avvale di una prosa mai banale, senza sperperi o cadute, a sua volta sostenuta da una veste espressiva ricca, colta, capace di modularsi in registri variabili , per la resa di temi dialogici, narrativi e riflessivi.

Autore: Emanuela Canepa
Casa editrice: Einaudi

2 pensieri su “L’animale femmina

  1. L’ho letto recentemente e confermo che lo stile è avvincente, per nulla scontato; il racconto si articola molto bene ed offre numerosi spunti di riflessione.
    Però ho colto uno scadimento nel grottesco nel finale, un’evoluzione altamente improbabile della storia, come altre forzature alla realtà durante tutto il romanzo.

    Sono ancora indecisa sul mio giudizio complessivo, sono rimasta molto perplessa.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...